Seminario di Contact Improvisation con Antonio Caporilli

“ L’improvvisazione è una modalità di lavoro e di ricerca che permette di conoscersi meglio. Queste conoscenz a, che si acquisiscono con la pratica, si riportano poi nel quotidiano, nelle relazioni e anche nel modo di guardare le cose. E’ proprio in questo aspetto della conoscenza che si concretizza il lavoro di composizione, stimolando il proprio e l’altrui immaginario 

La contact-improvisation è un’opportunità per guardare la realtà, con sana curiosità e rispetto.

Il laboratorio è per sua stessa natura aperto a tutti, indipendentemente dall’età, formazione e cultura.

quando? 16 e 17 Novembre 2013 dalle 10 alle 13

dove? Nella nostra sede in Via Imperiare 43A

quanto? 55 euro, 50 euro se si prenota entro il 31 Ottobre 2013

per esigenze organizzative è obbligatorio prenotarsi entro il 31 Ottobre scrivendo:

scrivere a: musicalmente.genova@gmail.comguendalina.dimarco@gmail.com; tel./sms a: 3336643086
(attiveremo il laboratorio con un minimo di 8 iscritti)

 

Premessa

Il laboratorio va inteso come un percorso di esperienze che incoraggiano la ricerca intorno al gesto ed anche verso altre forme d’arte, come il cinema, la pittura, la musica, il racconto. Tutto questo prende forma e si sviluppa in un contesto in cui lo scambio , spesso spontaneo, costituisce il modo con il quale ogni persona si relaziona con il mondo, dalle piccole cose fino a quelle più complesse. Il lavoro è quindi anche un’opportunità per guardare la realtà, con sana curiosità e rispetto. Il laboratorio è per sua stessa natura aperto a tutti, indipendentemente dall’età, formazione e cultura.

Metodologia e aspetti del programma

La metodologia di lavoro si basa sull’improvvisazione, ossia lo sviluppo di argomenti secondo criteri che soddisfano l’autonomia e la libertà individuale, ponendosi in relazione con gli altri e con l’ambiente. Un’azione , un ballo, un gesto oppure un racconto, sono solo degli esempi di come possa nascere un percorso conoscitivo quanto creativo, e al tempo stesso individuale e collettivo. Il senso del gioco e il suo potere coinvolgente sono aspetti importanti della metodologia, perché sono stimoli che incoraggiano l’accettazione e l’ascolto profondo. Il programma tende ad accrescere la coscienza del gesto attraverso una serie di stimoli sensoriali. Gli argomenti sui quali ogni persona, singolarmente e collettivamente, indagherà, riguardano la capacità di ascolto: il respiro, la voce, il ritmo, l’equilibrio, il contatto, lo spazio, la statica e la dinamica.

Aspetti tecnici

Il laboratorio è aperto a tutti indistintamente. Non è richiesta nessuna esperienza specifica e comunque il carattere formativo del laboratorio può essere motivo d’interesse per studenti, operatori sociali, insegnanti, artisti e educatori.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...