“Mission”

“Mission” è il programma che andrà in onda su Rai1 a dicembre, realizzato dalla RAI in collaborazione con INTERSOS e UNHCR, ha alimentato un vortice di polemiche, dagli inizi di agosto.

Un susseguirsi di rumors ed indiscrezioni si sono rincorsi sul web alimentando un dibattito sul format scelto.

Ma per farsi una propria opionione:

qui il link dello ‘storico’ di quanto è uscito sul programma RAI ‘Mission’, dalle prime critiche fino alle ultime risposte di Nino Sergi, nostro presidente. In alto le uscite più vecchie, in basso le ultime.

 

 COMUNICATO STAMPA

Roma, 4 settembre 2013 MISSION: “NON E’ REALITY MA PROGETTO DI SOCIAL TV PER DARE VOCE AI RIFUGIATI” La RAI, l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) e INTERSOS hanno seguito con molta attenzione il dibattito sviluppatosi sui media relativo al programma Mission e ritengono importante fare alcune precisazioni in merito alla trasmissione e alle sue finalità. Per quanto concerne la trasmissione televisiva, riteniamo necessario ribadire che non si tratta in alcun modo di un “reality” ma di un progetto di social TV nel quale alcuni volti noti, che non saranno remunerati salvo un rimborso spese, per un periodo di tempo limitato ma significativo affiancheranno gli operatori umanitari di UNHCR e INTERSOS nel loro lavoro quotidano di protezione e assistenza ai rifugiati.  Il grande pubblico avrà la possibilità di vedere – senza finzioni sceniche – come realmente si svolge la giornata tipo in un campo rifugiati e di conoscere da vicino i problemi di chi vive e lavora nel campo, ovvero i rifugiati e gli operatori umanitari. Le attività di cooperazione portate avanti in crisi umanitarie dimenticate come nella Repubblica Democratica del Congo sono estremamente complesse e abbracciano una moltitudine di aspetti umanitari, tecnici, logistici, economici, culturali, sociali, politici, ecc. L’obiettivo di Mission è di provare a raccontare tutto questo con un linguaggio non tecnico, semplice e accessibile a tutti attraverso la partecipazione di personaggi popolari familiari al pubblico di RAI 1La collaborazione al programma dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) e di INTERSOS, coerentemente con il mandato e l’esperienza delle due organizzazioni, rappresenta una garanzia per la tutela della dignità dei rifugiati ed il rispetto dei loro diritti. In piena sintonia con la RAI, le organizzazioni si sono impegnate a tutelare chi non ha voluto essere ripreso dalle telecamere, per proteggere l’identità delle persone a rischio e per dare una possibilità a tutti coloro i quali hanno espresso invece il desiderio di poter raccontare la loro storia e di essere finalmente ascoltati, mettendo fine al silenzio e all’indifferenza. Mission rappresenta quindi un’importante novità che non solo darà voce a chi ha deciso di raccontare la propria storia ma anche la possibilità a molte persone di ascoltare e di sapere, contribuendo a ridurre la marginalità mediatica dell’umanitario. Nel mondo le persone costrette ad abbandonare le proprie case a causa di guerre, violenze e persecuzioni sono oltre 45milioni. “Le loro storie troppo spesso sono taciute, ignorate, dimenticate e per questo abbiamo deciso di accettare la proposta della RAI di partecipare a questo progetto“ dichiara Laurens Jolles, Delegato UNHCR per il Sud Europa. “Per la prima volta, il lavoro umanitario – che per definizione non fa “notizia” e che quasi mai guadagna l’attenzione dei media – verrà raccontato attraverso la testimonianze dei personaggi scelti dalla RAI. Si tratta di persone  che hanno grande familiarità con il pubblico delle prime serate di RAI 1, capaci di avvicinare le famiglie italiane al dramma dei rifugiati”. INTERSOS da sempre lavora in prima linea per difendere e aiutare le persone in fuga dalle guerre e dai disastri naturali contribuendo a garantirne dignità e sicurezza” – sottolinea Marco Rotelli, segretario generale INTERSOS – “Quando RAI ha deciso di portare al grande pubblico questo difficile tema, abbiamo apprezzato che si sia rivolta a noi e UNHCR per tutelare al massimo la sicurezza e la dignità dei rifugiati, in piena sintonia con i nostri mandati di organizzazioni umanitarie”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...